Volevo dirti che è lei che guarda te. La televisione spiegata a un bambino

Volevo dirti che è lei che guarda te. La televisione spiegata a un bambino

di Paolo LandiBompiani Pagine: 76
6,00
Edizione: 2006
6,00
Introduzione di Beppe Grillo

Una delle frasi fatte più difficili da smontare -spacciata per di più come ultimissima conquista pedagogica - è quella che sostiene di non lasciare mai un bambino da solo davanti alla tv.

A pochissimi viene in mente che non è la sua integrità morale a preoccupare i responsabili dei palinsesti.

E' che la pubblicità esige che ci sia almeno la mamma con lui, o comunque un adulto con potere d'acquisto.

E' la tv che guarda noi: ci ha già fotografati, inseriti in fasce d'età, collocati in aree di reddito, raggruppati in categorie, divisi in serie, ripartiti in aree geogrfiche, codificati nei comportamenti, catalogati.

I programmi? Deboli pretesti per sostenetre i sempre più frequenti 'stacchi' pubblicitari, le televendite, le promozioni, le sponsorizzazioni.

In mezzo a questo vuoto di contenuti e a questo pieno di merci di ogni tipo, i bambini sono ostaggi di educatori e psicologi che tentano di giustificare strategie di marketing neppure troppo mascherate, delle quali diventano spesso inconsapevoli strumenti.

Perché i bambini non hanno bisogno della televisione, è la televisione che ha bisogno di loro.

Un libro chiaro, radicalmente contrario alla foresta di schermi (della tv, del computer, dei videogiochi, dei telefonini) che ha invaso le camerette dei ragazzi e il salotto di casa.

Un libro per tutti, ma soprattutto per genitori e maestri, che spiega cos'è la televisione, a chi serve, quali interessi rappresenta e perché bisogna aspettare che un bambino compia dodici anni prima di fargliela guardare.

Paolo Landi: ha pubblicato Manuale per l’allevamento del piccolo consumatore (Einaudi, 2000), Il cinismo di massa (Sperling&Kupfer, 1994), Cosa c’entra l’AIDS con i maglioni? Cento lettere di amore-odio alla Benetton (Mondadori, 1993), Lo snobismo di massa (Lupetti, 1991). Un suo intervento è stato pubblicato nel volume collettivo Caro Enzensberger - Il futuro della televisione, a cura di Alberto Abruzzese (Lupetti, 1994). È stato per qualche anno critico televisivo su vari settimanali. È docente a contratto al Politecnico di Milano. Vive e lavora a Treviso.

Libri e informazioni su Paolo Landi

Potrebbero interessarti anche:

Connessi e isolati

Connessi e isolati

Manfred Spitzer Corbaccio
19,90€
Crescere nell'era digitale. L'uso delle nuove tecnologie nell’infanzia, nell'età scolare e adulta: quale futuro?

Crescere nell'era digitale. L'uso delle nuove tecnologie nell’infanzia, nell'età scolare e adulta: quale futuro?

Giorgio Capellani Edilibri - Pagine: 160
16,00€
I bambini di Ciclope. Le influenze dell'osservazione televisiva sullo sviluppo del cervello umano -Testo in lingua inglese

I bambini di Ciclope. Le influenze dell'osservazione televisiva sullo sviluppo del cervello umano -Testo in lingua inglese

Keith A. Buzzell Floris Books - Pagine: 112
14,00€
Solitudine digitale

Solitudine digitale

Manfred Spitzer Corbaccio - Pagine: 430
19,90€
Quale effetto hanno i mass media sui bambini e sui giovani?

Quale effetto hanno i mass media sui bambini e sui giovani?

Heinz Grill Lammers-Koll
5,00€
Impigliati nella rete

Impigliati nella rete

Paolo Landi Bompiani - Pagine: 112
9,00€
Cellulare, videogiochi, televisione, computer... e salute. Istruzioni per l’uso

Cellulare, videogiochi, televisione, computer... e salute. Istruzioni per l’uso

Edwin Hübner Aedel - Pagine: 183
18,50€
Sul buon uso dello schermo televisivo

Sul buon uso dello schermo televisivo

Jean Chazarenc Associazione Amici della Scuola Steineriana
3,00€
I fumetti

I fumetti

Jacob Streit Associazione Amici della Scuola Steineriana
3,00€
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk