Il pastore di stambecchi

Il pastore di stambecchi

di Louis OreillerPonte alle Grazie Pagine: 176
14,00
14,00
La storia di una vita fuori traccia.

«La montagna mi ha visto nascere, mi ha nutrito, insegnato, curato. Così sono diventato il signore delle cenge rocciose, la sentinella dei valichi secondari e l’esperto delle morene nascoste: ho regnato su quel reame di sassi non perché era mio - ma perché gli appartenevo. La montagna mi ha concesso di starle insieme e io sono diventato il suo custode rispettoso, un pastore di stambecchi in tutte le stagioni.»

«Esistono uomini che hanno ascoltato la montagna così a lungo da sentirne la voce. Quando poi questi uomini parlano, dopo una vita intera, è la montagna che parla attraverso di loro. Louis Oreiller parla con la voce della montagna e ascoltarlo riempie di meraviglia, ancora più che di nostalgia. »
Paolo Cognetti

«Dobbiamo essere grati a Irene Borgna per la delicatezza e la pazienza con cui ha saputo suscitare la fiducia di Louis, così da scioglierne la crosta rocciosa e ascoltarne non solo le parole, ma i battiti più profondi del cuore»
ttl – La Stampa - Enzo Bianchi

Nella sua valle, sa il carattere di ogni canalone, di ogni balza di roccia. Riconosce le volpi, i camosci, le vipere, i gipeti. Può chiamare per nome ogni valanga. La montagna per Luigi Oreiller non è una sfida, né una prestazione. È la sua casa di terra e di cielo, un orizzonte a cui appartenere.
Luigi nasce nella povertà e cresce con la guerra. Valdostano ma “anche” italiano, trascorre i suoi 84 anni a Rhêmes Notre Dame, venti comignoli rubati alla slavina al fondo di una valle stretta e dal fascino selvatico, su un versante Parco del Gran Paradiso sull’altro riserva di caccia.
Da ragazzo, armato dalla fame, è cacciatore, contrabbandiere, manovale. Quando diventa guardiaparco e poi guardiacaccia, cambia sguardo. Dietro le lenti del cannocchiale, nelle lunghe solitarie giornate di appostamento ai bracconieri, diventa il signore delle cenge, segue il volo delle aquile e sperimenta un qualcosa di molto simile all’amore.  Stagione dopo stagione, trasforma gli alberi in sculture, “scava” tassi e marmotte, parla con i cani, le mucche, le galline. A volte anche con gli uomini.
Quello di Oreiller è un mondo ormai perduto, travolto da una modernità senza pazienza, da un fiume di gente che torna ma non resta. Eppure, nei suoi occhi, nelle sue mani nodose e forti, tutto ha ancora memoria e lui ha memoria di tutto. Le sue parole, consegnate a chi, come Irene Borgna, le sa ascoltare, conducono lontano, fuori traccia, tra valichi nascosti. E segnano il tempo, come gli anelli di un tronco, come i cerchi sulle corna di un vecchio stambecco.

Libri e informazioni su Louis Oreiller

Potrebbero interessarti anche:

Il secondo ladrone

Il secondo ladrone

Franco Tagliente Novalis - Pagine: 144
15,00€
Mater

Mater

Fulvio Di Lieto CambiaMenti - Pagine: 476
18,00€
Pagine d’amor platonico

Pagine d’amor platonico

Alda Gallerano e Gabriele Burrini Edilibri - Pagine: 256
14,00€
Ritorno a Pasidonia

Ritorno a Pasidonia

Fulvio Di Lieto Edilibri - Pagine: 352
14,00€
Il cappellaio di Urmak

Il cappellaio di Urmak

Gabriele Burrini Edilibri - Pagine: 126
7,70€
Il coccodrillo - ovvero la guerra del bene e del male

Il coccodrillo - ovvero la guerra del bene e del male

Louis Claude de Saint Martin Aedel - Pagine: 485
19,63€
Racconti di Ivana

Racconti di Ivana

Sergio Boscardin Il capitello del Sole - Pagine: 152
13,00€
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk