Farmaci per malattie tipiche

Farmaci per malattie tipiche

di Otto Wolff Filadelfia Pagine: 84
3,50
Edizione: Ediz. 1993
3,50
Realizzati secondo il metodo innovativo ideato da Rudolf Steiner. Presentazione Una conoscenza veramente approfondita dei «rimedi tipici» dati da Rudolf Steiner e descritti in questo volumetto è ancora agli inizi, ma è certo che essi esprimono una saggezza che ogni volta di più sorprende ed arricchisce chi pratica la medicina antroposofica. All'inizio della mia esperienza medica in quest'ambito i rimedi tipici apparivano come un punto fermo su cui ci si poteva sempre appoggiare nella complessa arte del curare. Ora posso riconoscere che ben raramente mi hanno deluso e che continuo ad usarli con successo. La portata di questi farmaci mi appare sempre più vasta e complessa, mentre mi stupisce la loro complementarità ed il loro sinergismo; ciascuno di essi rappresenta, in definitiva, una unità farmacologica in grado di affrontare e compenetrare il processo di malattia da più parti. Attraverso questi farmaci l'individuo malato viene curato in una prospettiva di spazio e di tempo. La medicina antroposofica non si vuole contrapporre alla medicina ufficiale, ma si pone come complemento di questa, ampliando la fisiologia classica degli organi in una visione più sottile e raffinata della realtà. Nel somministrare un preparato naturale non si vuole dare una sostanza che, come nella medicina omeopatica, evochi una determinata sin¬tomatologia, bensì offrire la processualità insita nella pianta o nella sostanza stessa. I farmaci tipici proposti da Rudolf Steiner armonizzano e riequilibrano i tre sistemi che compongono e compenetrano l'essere umano, il sistema dei nervi e dei sensi, il sistema ritmico e il sistema del ricambio e delle membra. Accenniamo qui a grandi linee a questa tripartizione che è uno dei fondamenti della medicina antroposofica. Il sistema dei nervi e dei sensi, situato sostanzialmente nella parte superiore della figura umana, nel capo, attraverso i nervi si estende a tutto il corpo, fino alla punta dei piedi. Il sistema neurosensoriale infatti parte dal cervello, dai dodici nervi cranici, dal midollo spinale e con il sistema orto e parasimpatico si irradia in tutto il corpo. Se pensiamo alla nostra testa vediamo che lì avvengono in massima parte i processi della coscienza, e tuttavia le cellule nervose sono minimamente vitali, anzi muoiono continuamente. Nel capo, nel tessuto nervoso le forze vitali della riproduzione cellulare raggiungono il loro limite più basso. Ciononostante il cervello è la sede della coscienza, del pensare, e questa sua tendenza alla morte è alla base dei nostri pensieri. Questi processi catabolici (o distruttivi), tramite l'attività neurosensoriale, sono diretti dal polo della testa a tutto l'organismo. All'opposto gli animali inferiori, con un più basso livello di coscienza, possiedono grandi capacità rigenerative. Tutti sappiamo che la stella marina fa ricrescere le proprie braccia amputate, che i lombrichi se divisi in due ricostruiscono l'altra metà del loro corpo, che i batteri si riproducono e si dividono con estrema vitalità. Questa capacità è ampiamente perduta nel cane, nel cavallo e in tutti gli altri animali superiori. Nell'uomo la piena autocoscienza e la saggezza nascono solo a spese della vitalità, con un processo di indurimento e disseccamento progressivo del corpo che culmina nella vecchiaia. Dal punto di vista anatomico, nella testa la struttura ossea, immagine della morte, si trova all'esterno mentre le parti molli si trovano all'interno. Esattamente l'opposto avviene nell'organizzazione del ricambio e delle membra, dove le parti molli, i muscoli sono all'esterno e le ossa lunghe all'interno. Nel polo del ricambio, nel metabolismo, nella digestione, i fluidi linfatici sono ricchi di cellule attive nei processi vitali. Tutto ciò che avviene sotto il diaframma, l'assorbimento e l'ela-borazione dei cibi, il processo digestivo, la secrezione e l'increzione dei succhi alimentari, la circolazione linfatica, si svolge nell'assoluta incoscienza, ma tuttavia ci fa vivere, ci fa crescere, ci fa assorbire il cibo, ce lo fa trasformare in noi stessi, da sostanza inanimata in sostanza umana. Noi non ci rendiamo conto del movimento del nostro intestino, del ritmo di secrezione dei sali biliari, dell'assorbimento degli zuccheri che ha luogo nel fegato, di come si svolge la nostra vita vegetativa e metabolica. Qui, dove la coscienza è assente, regnano incontrastati la vita (anche gli organi riproduttivi si trovano in questa regione), e il movimento. Il sistema ritmico, anatomicamente, è inserito nella gabbia toracica che è una via di mezzo tra le ossa lunghe delle gambe e delle braccia (coste) e la rotondità del polo cefalico. Nella parte mediana dell'uomo sono situati i due organi ritmici per eccellenza, il cuore e i polmoni. Una alterazione del loro ritmo è sempre indice di squilibrio e di malattia. Questi organi sono anche quelli che, una volta riportati in equilibrio, conducono alla guarigione. Nei rimedi tipici vediamo spesso presenti sostanze dalle caratteristiche polari, che appartengono alle due sfere, neurosensoriale e del ricambio, con accanto, a fare da mediatore, una terza sostanza affine al sistema ritmico. Questa è in breve la tripartizione dell'organismo umano che ci fa considerare l'uomo come un insieme alla continua ricerca di equilibrio tra le due grandi polarità costituite dal sistema neurosensoriale, in alto, e dal sistema del ricambio e delle membra, in basso; e dove il sistema ritmico, mediano, deve far sì che tutto rimanga in armonia. La malattia appare quando una delle due correnti prevale unilateralmente. Volendo andare un po' più a fondo possiamo dire, come viene ampiamente illustrato nelle pagine di questo libro, che la corrente neurosensoriale può portare alla sclerosi, all'indurimento, al raffreddamento; mentre la corrente metabolica può condurre all'infiammazione, alla proliferazione, al colliquamento (disfacimento dei tessuti). Quindi tutte le malattie sclerosanti, dure, fredde (vale a dire l'arteriosclerosi, gli infarti, le trombosi, i tumori stessi) fanno parte della corrente legata al polo cefalico neurosensoriale. Le malattie legate al sistema del ricambio e delle membra sono tutte quelle forme infiammatorie presenti specialmente nella prima metà della vita, e soprattutto nei bambini, come le febbri, le tonsilliti, le otiti, le appendiciti, gli ascessi, le malattie esantematiche, tutte espressioni del sistema del ricambio che, in qualche modo, «sfonda» il sistema ritmico e si impadronisce del corpo. In realtà ogni processo che nel proprio ambito si svolge in modo corretto, se deborda e va a finire nell'ambito opposto è causa di malattia. Le grandi forze alchemiche del Sal (sistema neurosensoriale), del Mercur (sistema ritmico) e del Sulfur (sistema del ricambio) sono rappresentate in questi rimedi archetipici. Così le tre grandi forze costituite da scienza, spiritualità ed arte, un tempo unite nella cultura e nella sensibilità umana e, in seguito, nel corso dell'evoluzione storica, sem¬pre più disgiunte, dovrebbero di nuovo confluire grazie all'impulso della scienza dello spirito. Nel rapporto tra medico e paziente è determinante che quest'ultimo sia lasciato libero, che non gli venga imposto nulla di coercitivo. Nel medesimo tempo il paziente deve poter trovare comprensione ed anche amore nei suoi confronti. È importante che si instauri, tra medico e paziente, un rapporto di grande comprensione, di empatia, di amore in senso evangelico. Ed è appunto questo il messaggio sotteso a questi farmaci tipici che, offrendo e rappresentando una immagine primordiale della funzione sana di un organo o di un apparato, non vogliono e non devono sopprimere alcunché di patologico, ma tendono invece a riequilibrare. La persona che li assume viene lasciata libera nella propria dignità di individuo di uniformarsi o meno a questo ideale di salute e di armonia. Questa dovrebbe essere la vera terapia e la vera medicina preventiva del futuro. dr. Fabio Leonardi

Libri e informazioni su Otto Wolff

Potrebbero interessarti anche:

Medicina antroposofica in oncologia

Medicina antroposofica in oncologia

Autori vari Edizioni Colibrì - Pagine: 104
18,00€
L'argilla. Ricerche sull'origine cosmica e terrestre di una sostanza elementare

L'argilla. Ricerche sull'origine cosmica e terrestre di una sostanza elementare

Giuseppe Ferraro Filadelfia - Pagine: 210
21,00€
Lavorare con la natura in divenire

Lavorare con la natura in divenire

Wolfram Engel Edizioni Arcobaleno - Pagine: 248
25,00€
La conduzione del movimento medico antroposofico

La conduzione del movimento medico antroposofico

Michaela Gloeckler e Rolf Heine Editrice Antroposofica - Pagine: 272
24,00€
Le piante medicinali - I

Le piante medicinali - I

Pelikan Wilhelm Natura e cultura - Pagine: 360
24,00€
Paradisi artificiali

Paradisi artificiali

Orlando Donfrancesco Novalis - Pagine: 200
16,50€
Medicina preventiva e vaccinazioni

Medicina preventiva e vaccinazioni

Giancarlo Buccheri Novalis - Pagine: 54
5,00€
Il significato delle malattie nei primi tre settenni

Il significato delle malattie nei primi tre settenni

Walter Holtzapfel Widar - Pagine: 102
12,50€
Antropologia medica - Forme e movimento nel corpo umano

Antropologia medica - Forme e movimento nel corpo umano

Andrea Basili Edizioni Colibrì
18,00€
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk