Cartolina: Bucaneve

Cartolina: Bucaneve

di Jan De Kok
1,40
1,40
Bellissima raffigurazione di Jan de Kok dello splendido fiore invernale Bucaneve

L’etimologia greca del nome deriva non a caso dalle parole: gala (latte), anthos (fiore) e nivalis (nella neve).

Viene chiamato anche stella del mattino, in quanto spesso è il primo fiore a sbocciare anche quando la neve ricopre ancora il sottobosco.

Esistono numerose tradizioni e feste religiose legate al bucaneve, ad esempio nella festa della Candelora, che si tiene il 2 febbraio giorno della purificazione della Madonna.
il bucaneve è il fiore simbolo della purezza della Madonna, e prima ancora della festa della Candelora veniva festeggiata dai romani la Dea Februa, ovvero Giunone, ed anche in quel caso i fiori utilizzati durante le celebrazioni erano i bucaneve.


Durante l’antica festa irlandese dell’Imbolc (Oimelc o Imbolic) che si teneva l’1 febbraio e che celebra il culmine dell’inverno, il colore bianco del bucaneve rappresenta la purezza della dea festeggiata, ovvero la dea Brígit (diventata nei secoli Santa Brigida).
Il termine “Imbolc” in irlandese significa proprio nel grembo ed è riferito alla gravidanza delle pecore, il motivo della festa era legato alla nascita degli agnellini, quindi era un periodo in cui le pecore producevano più latte, elemento di fondamentale importanza per la vita degli irlandesi, in quanto gli consentiva il sostentamento necessario per vivere durante il rigido mese di febbraio.

Esiste poi un’antica leggenda che narra che quando Adamo ed Eva furono scacciati dal paradiso terrestre si trovarono in una terra buia e gelida. In quel luogo desolato Eva fu colta da un momento di sconforto e rimpianto, quindi un angelo, mandato dal signore che ebbe compassione di lei, prese dei fiocchi di neve e glieli soffiò indosso. Quando i candidi fiocchi di neve giunsero per terra si trasformarono in boccioli facendo così apparire dei bucaneve. Grazie a quel miracolo Eva riacquistò la speranza e riprese il cammino.

Infine, secondo le tradizioni popolari si dice che raccogliere un bucaneve nella prima notte di luna piena dopo il 31 gennaio porti felicità per tutto il resto dell’anno.

Questo candido fiore che resiste ai freddi, simboleggia pertanto la vita, la speranza, le nascite e i cambiamenti.



Libri e informazioni su Jan De Kok

Potrebbero interessarti anche:

Cartolina: Tra il bue e l'asinello

Cartolina: Tra il bue e l'asinello

Marie Laure Viriot
1,40€
Cartolina: Una pecorella nel bosco

Cartolina: Una pecorella nel bosco

Marie Laure Viriot
1,40€
Cartolina: L'inverno nel bosco

Cartolina: L'inverno nel bosco

Elsa Beskow
1,40€
Cartolina: Amore Invernale

Cartolina: Amore Invernale

Marie Laure Viriot
1,40€
Cartolina: I bambini e il pupazzo di neve

Cartolina: I bambini e il pupazzo di neve

Gerda Muller
1,40€
Inverno - set 10 cartoline Marie Laure Viriot

Inverno - set 10 cartoline Marie Laure Viriot

Marie Laure Viriot
10,00€
Cartolina: Le volpi

Cartolina: Le volpi

Marie Laure Viriot
1,20€
Cartolina: il Cavaliere e la Colomba

Cartolina: il Cavaliere e la Colomba

Marie Laure Viriot
1,40€
Cartolina: la volpe

Cartolina: la volpe

Baukje Exler
1,40€
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk