Tutto di Arturo Onofri

 (Roma 1885-1928) Tra i più importanti poeti italiani del Novecento fondò e diresse la rivista “Lirica” (1912-13), collaborò a “La Voce” di De Robertis e ad altre riviste letterarie del suo tempo. Dopo le prose liriche di Orchestrine (1917) e di Arioso (1921), Onofri trovò nell’antroposofia di Rudolf Steiner una nuova fonte d’ispirazione tale da costituire un rinnovamento complessivo della sua poesia. Questa nuova e feconda stagione lirica (che trova la sua riflessione teorica in Nuovo Rinascimento come Arte dell’Io) diede già i suoi primi frutti ne Le trombe d’argento (1924) e successivamente
nel ciclo lirico di Terrestrità del Sole (Terrestrità del Sole, 1927; Vincere il Drago!, 1928; i voll. postumi Simili a melodie rapprese in mondo, 1929; Zolla ritorna cosmo, 1930; Suoni del Graal, 1932; Aprirsi fiore, 1935).

Nuovo Rinascimento come arte dell'Io

Arturo Onofri Campanotto Editore
20,00 €
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk