Articoli

Parola e canto visibili

L’euritmia artistica fu fondata da Rudolf Steiner e Marie von Sivers nel 1912 come pura arte della parola espressa attraverso i movimenti del corpo. La figura umana viene con l’euritmia a tradurre “la parola in gesto, il ritmo poetico in movimento, la costruzione, l’architettura della poesia in forme spaziali” [R. Steiner].

Non si tratta di danza, perché vi mancano le tipiche figure di cambré, croisé, ecarté eccetera: è piuttosto un “linguaggio visibile” o un “canto visibile”, a seconda che si tratti di un testo poetico o di un brano musicale.
… Il corpo umano diviene dunque in euritmia un mezzo di espressione dei mondi superiori o delle leggi cosmiche.
Fondamentale esercizio euritmico è il passo tripartito; esso insegna l’armonia dell’incedere, in quanto esprime i moti delle tre facoltà dell’uomo, pensare, sentire e volere, rispettivamente nel sollevare il tallone, nell’alzare il piede e nel ri-appoggiare la punta per terra. Molto usato nell’euritmia pedagogica, la pratica di questo esercizio armonizza i temperamenti e riequilibra la personalità: placa la tendenza del collerico all’ira, sollecita nel flemmatico l’iniziativa, restituisce fiducia in se stesso al malinconico, induce alla calma il sanguinico.

Altro tipico lavoro euritmico è la raffigurazione di consonanti e vocali.

Per raffigurare la A le braccia si aprono dal basso e si portano verso l’alto tendendosi verso l’universo. La A, difatti, è il suono della meraviglia e dell’apertura al mondo.
La E – suono che rivela un atteggiamento di difesa e di opposizione al mondo – è espressa dal gesto di incrociare i polsi all’altezza del petto, tenendo le mani tese.
La I – suono dell’affermazione di sé – si esprime con il gesto euritmico di tendere il braccio destro verso l’alto, un po’ in avanti, mentre il sinistro viene teso indietro e in basso. La vocale I, difatti, è in molte lingue il suono iniziale del pronome personale Io (Ich, Ie, Ja, eccetera).
La O – il suono del voler abbracciare il mondo – si esprime formando un cerchio con le braccia all’altezza del torace.
La U – suono della paura e del dolore – si esprime tendendo le braccia parallele in avanti o irrigidendole lungo il corpo.

Alda Gallerano e Gabriele Burrini

Etiam vitae magna ante. Donec eu nisi elementum, hendrerit dolor non, porttitor libero. Phasellus vel dignissim ligula. Phasellus elementum mauris id nibh interdum pulvinar. Fusce eget nulla venenatis, aliquam metus non, eleifend lectus. Aenean pellentesque vel sem at semper. Sed quis ligula ut felis fermentum ornare. Proin ac magna quis diam condimentum sagittis vitae non enim. Sed et est finibus velit accumsan faucibus eget venenatis erat.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk