Articolo:

Le ninnananne sono canzoni d'amore

Dalla prefazione a:
Le ninna nanne sono canzoni d'amore di Mary Thienes- Schunemann

di: Michaela Gloeckler

Le nostre vite ora soffrono di una tremenda mancanza di ritmo - un'alta percentuale di persone usa droghe per dormire.
Il ritmo del giorno e della notte, del sonno e della veglia, è noto per giocare un ruolo chiave nello stabilire i ritmi circadiani nella fisiologia umana. Questi ritmi nel nostro organismo si verificano a intervalli regolari entro le 24 ore del giorno. La maggior parte dei nostri processi metabolici, così come la variazione della concentrazione degli ormoni nel nostro sangue, seguono questo ritmo di 24 ore. Quando questi ritmi sono in armonia, proviamo equilibrio e pace. Quando non sono in armonia, possiamo sentirci squilibrati e malati.


L'istituzione dei ritmi circadiani è di fondamentale importanza per i bambini. Uno dei ritmi più importanti da stabilire all'inizio della vita è quello di svegliarsi e dormire. Oggi molti bambini sperimentano una grande mancanza di ritmo nelle loro vite. Spesso dormono troppo poco e il loro sonno spesso non è pacifico. Credo che sia importante per noi riflettere sul valore del canto prima di dormire. Dare ai bambini un'organizzazione ritmica e regolare per il loro giorno, portarli sulla soglia della notte con canzoni che portano un ritmo cadenzato nelle loro melodie, prepara il terreno per un sonno sano e tranquillo. Oltre all'effetto armonizzante che tutto il ritmo e il canto hanno sui nostri processi fisiologici, una ninna nanna piena di amore e dolcemente supporta un bambino emotivamente, aiutandolo verso l'equilibrio e la pace.

C'è qualcos'altro di grande importanza. Le nostre canzoni alla fine della giornata aiutano a preparare i bambini spiritualmente, in modo che possano incontrare - mentre dormono - con il mondo degli angeli e possano sperimentare le armonie cosmiche delle stelle e dei pianeti. Le antiche tradizioni spirituali e la moderna ricerca spirituale, inclusa quella di Rudolf Steiner, descrivono una profonda relazione interiore, tra l'incontro dell'anima umana con le leggi della musica terrestre e le armonie dei pianeti e delle stelle nei loro percorsi intorno alla terra. È questa tradizionale e secolare conoscenza che ha spinto tutte le culture a includere la musica come parte delle loro cerimonie sacre e della loro vita quotidiana. Molte usanze hanno le loro origini in questa consapevolezza, comprese pratiche semplici come cantare una grazia all'inizio della giornata e una ninna nanna per prepararsi al sonno la notte.

La musica prima del sonno era vista come una preparazione consapevole per portare l'anima in uno stato di pace e contemplazione. Ciò ha permesso di lasciare il mondo dei sensi alle spalle, consentendo così di incontrare gli esseri divini del mondo degli spiriti. Oggi, come nei tempi antichi, possiamo percepire che quando si verificano tali incontri, ci svegliamo al mattino sentendoci rinfrescati e nuovamente incoraggiati a soddisfare la realtà delle esigenze fisiche nella nostra vita quotidiana.

Per Mozart, la musica era l'esperienza di soglia tra il mondo visibile e quello invisibile, tra il mondo dei sensi e il mondo del divino. Si svegliava ogni mattina con nuove ispirazioni per la sua musica - sapeva che tutto proveniva dal mondo spirituale, dal suo essere con gli angeli di Dio durante la notte. E quando si preparò a dormire, si preparò a morire e ad "andare a casa".




C'è anche una componente più scientifica delle leggi della musica e del loro rapporto con le stelle. Dal lavoro di Kepler "De Harmonices Mundi" (L'armonia dei mondi). sono state fatte molte ricerche sulla relazione tra intervalli musicali e frequenze tonali e l'interrelazione tra tempo di rotazione, orbita planetaria e altre interazioni sullo sfondo delle stelle fisse (lo Zodiaco). È diventato sempre più chiaro che la relazione tra numero, proporzione e intervallo che può essere applicata ai movimenti planetari si riflette anche nella musica. Il libro di Armin Husemann, "L'armonia nel corpo umano", collega ulteriormente queste stesse relazioni fondamentali di proporzione, numero e intervallo con la fisiologia e l'anatomia umana. Noi esseri umani non amiamo semplicemente la musica, tutta la nostra fisiologia, i suoi ritmi e le nostre interazioni, seguiamo le leggi della musica e le leggi delle stelle e dei pianeti! Sentendo questa relazione, il poeta Novalis arrivò alla profonda intuizione che la malattia e la salute possono essere espresse come problemi di musica, di disarmonia e armonia.


Quindi noi esseri umani siamo espressioni della musica terrena e dei cieli stellati. L'immensa, ma intangibile energia delle stelle e dei pianeti in realtà suona attraverso di noi ogni volta che cantiamo e creiamo musica insieme. Siamo, per così dire, suonando, cantando stelle! Questa inesorabile connessione è parte del grande mistero della musica e del canto, conosciuto in tutto il mondo. La musica è il più grande legame tra tutte le culture del mondo e unisce gli esseri umani con le loro origini divine. Quando sperimentiamo il bel canto e la musica ci ricorda la nostra casa celeste!


Tutti i ritmi della musica, compresi i primi balli e canti africani conosciuti, sono basati o copiati dalla fisiologia umana: respiro, pulsazioni e battito cardiaco con le loro varie relazioni, sincopi e velocità. Negli ultimi anni è stata condotta una ricerca notevole che dimostra l'influenza positiva della musica, in particolare la musica di Bach e Mozart, sullo sviluppo del cervello, sulla salute e sull'intelligenza.


L'anima umana prospera in presenza di buona musica. La musica acustica dal vivo ha la più forte capacità di stimolare, attivare e nutrire gli esseri umani, nel corpo, nell'anima e nello spirito. L'armonia e l'integrazione nell'anima umana sorgono attraverso l'attività interiore e l'attenzione nell'ascolto, il tipo che un bambino dà agli amati adulti mentre cantano e parlano. Questo tipo di attenzione e attività interiore possono avvenire solo in relazione alla musica "viva".


Il canto è la migliore forma di prevenzione delle malattie, il più semplice costruttrice di ponti tra gli esseri umani e il dono più meraviglioso che gli adulti possono dare ai loro figli. Cantare può aiutare le generazioni a navigare nel tempo e nello spazio che li separa, tessendo così un ponte di amore, salute e gioia in tutto il mondo.


Michaela Glöckler, M. D. Pediatra, Dornach, Svizzera

Dalla prefazione a: Le ninnananne sono canzoni d'amore

di Mary Thienes- Schunemann